1 ottobre 2012

Cake con farina integrale n. 1
Whole wheat cake with ricotta and raisins



Mi piace tantissimo sfogliare libri di ricette (ma che ve lo dico a fare)? Se chi mi legge ha un blog di cucina, penserà sicuramente che ho detto un'ovvietà. Il fatto è che a volte preferisco leggere un libro di cucina a un romanzo. Magari un libro di ricette senza foto e senza racconti a margine. Ricette e basta. Lista di ingredienti e descrizione della preparazione. Quest'estate mi sono portata un libro di cucina anche in spiaggia, con tanto di quadernino e penna per annotare eventuali idee.

Una ricetta, in effetti, non è solo una lista sterile di cose e una descrizione su come combinarli. E' un processo da studiare, da immaginare, da testare. Una ricetta la si può testare anche solo a una prima lettura. Ad esempio, una volta letti tutti gli ingredienti, si passa alla lettura del procedimento immaginandosi ogni singolo passaggio. E se c'è qualche pasticcio, tipo che i 200 g. di latte che c'erano tra gli ingredienti nella descrizione poi spariscono, bisogna stare in guardia.

[cosa che c'è sul ricettario del KitchenAid (fa tanta scena ma è un libro che non è stato localizzato, ha mantenuto gusti e ingredienti adatti ad un pubblico diverso (dove cavolo li trovi i mirtilli palustri???) e le ricette non sono precise, le foto buie e senza anima). Mi posso mai fidare di un libro le cui ricette perdono ingredienti per strada???]

Poi c'è la fase in cui uno immagina di realizzare la ricetta, pensa ad eventuali (quasi sempre obbligatorie) piccole variazioni personali, usare uno stampo diverso, altre cotture, altro tipo di ingrediente principale.

Ebbene, nonostante questa passione per la lettura monotematica, la mia biblioteca personale è scandalosamente scarna. A parte qualche libro di Anna Moroni (usssignur dirà qualcuno), Regali golosi, Thai Food, Plate to Pixel (per la fotografia), un libro di cucina giappa, il libricino citato sotto e un paio di libercoli da 3 euro sui muffin, non ho altro. E qui entrate in gioco voi. Se doveste consigliarmi un solo libro da AVERE assolutamente in quanto foodie fanatici (anche in inglese), quale mi consigliereste? Così mi faccio una bella wishlist su Amazon :)


Vi lascio questo cake con farina integrale. E' un dolce poco dolce (quindi se li amate zuccherati aumentate la quantità di miele o di zucchero) e anche piuttosto grezzo come grana, però mi è capitato più di una volta di andare in cucina di proposito durante la giornata a spizzicarne qualche pezzetto. Ha un gusto semplice ma allo stesso tempo addictive. 

Buona settimana!



Cake integrale con ricotta e uvetta

Ingredienti (per uno stampo da cake 26x11 cm):

400 g. di farina integrale
120 g. di zucchero di canna demerara
80 g. di miele
125 ml di latte
125 g. di ricotta mista
120 g. di burro
3 uova
100 g. di uvetta
50 g. di nocciole tritate
1 cucchiaio di estratto di vaniglia
1 cucchiaio di grappa
3 cucchiaini di lievito


Accendere il forno a 175 gradi. Nel recipiente della planetaria lavorare con la frusta il burro con il miele e lo zucchero. Quindi unire uno uovo alla volta continuando e mescolare. Aggiungere la ricotta, l'uvetta, le nocciole, la grappa e l'estratto di vaniglia. Sempre mescolando incorporare la farina mescolata al lievito in tre tempi, alternandola al latte in due tempi (iniziare e terminare con la farina). Versare l'impasto in uno stampo da cake foderato con carta da forno e infornare per 65 minuti circa (fare comunque sempre la prova stecchino). Sfornare e lasciare riposare.


ricetta liberamente tratta da questo libricino

16 commenti:

  1. Anche io sono una patita di libri di ricette, ma nella versione moderna con tante foto (spesso fantastiche) e che vertono soprattutto sulla pasticceria (ora sono a dieta, che tortura!). Per i dolci, vai tranquilla con Montersino e Nigella, per qualche ricettina italiana clasica, mi è piaciuto molto "Cocottes all'italiana" della mitica Babs ;) ma vedrai che arriveranno taaaanti consigli migliori del mio! Baci!!

    RispondiElimina
  2. ecco, oggi è una giornata da cake.... ci faccio un pensierino! ciao

    RispondiElimina
  3. ehmmmmm leggo ora il commento di Antonella (grazie) e la tua richiesta, dai uno sguardo, se ne hai voglia alla rubrica sulla bibilioteca che tengo on line, ti lascio il link, è un pò che nn la aggiorno, ma diciamo che i grandi libri in circolazione li trovi tutti.
    poi sarebbe facile dirti "compra i miei!", invece di dico che a fine ottobre ne esce uno nuovo che meriterà :)))))
    ecco il link: http://www.chez-babs.com/search/label/sfogliando%20con%20gusto
    buona giornata!

    RispondiElimina
  4. sono decisamente le torte che fanno per me e che al mattino ti aiutano a superare la giornata.mi piace così rustica

    RispondiElimina
  5. verissimo, stiamo attente agli ingredienti, ai passaggi e poi all'immaginare la preparazione...i tempi e l'eventuale lievitazione o cottura...
    Cake magnifico!!wow!! che colazione favolosa!!gnammy! buona giornata

    RispondiElimina
  6. Mi prendi per la gola, sono una appassionata di questi cake un po' rustici (e condivido la tua stessa passione per i libri di cucina!!)

    RispondiElimina
  7. sECONDO ME NON PUò ASSOLUTAMENTE mancare quello di Trish Deseine sul cioccolato! Una favola di libro con spiegazioni ottime e le ricette riescono tutte!
    Anche Ladurèe, Dolci. è molto bello, anche se non sempre la spiegazione è lineare... Però riescono anche lì!
    Ottimo il cake!

    RispondiElimina
  8. Ciao, mi è piaciuto molto il tuo post (il cake è fantastico e molto bella la foto, dà molto bene l'idea di quanto ti sia venuto buono e soffice). Anche a me piacciono molto i libri di cucina, se ti piacciono i cake è molto bello 'Cakes dolci e salati' di Ilona Chovancova. Un bel libro è quello di Silvia Crucitti di Kitchenqb 'Al forno', le ricette sono tutte chiare, riescono bene e con bellissime immagini. E sui dolci a me piace moltissimo quello di Donna Hay 'Classici Volume 2' anche lì foto magnifiche e ricette (un po' ricche di burro a volte) ma tutte molto golose. Ciao!

    RispondiElimina
  9. Oddio uno solo per me è difficile io ne ho più di 200 e non è ancora finita.....
    Il mio libro in assoluto però eil mio primo libro serio di cucina a cui poi ne sono seguiti molti altri ma questo lo porto ovunque
    http://www.guidotommasi.it/cakes-dolci-e-salati.html ma poi non saprei rinunciare a tantissimi altri quindi se hai bisogno di qualche idea io ne ho a centinaia :-))) E visto che parliamo di cake, questo è splendido compatto e rustico, sono i miei preferiti. Baci

    RispondiElimina
  10. Tutti i dolci che contengono ricotta, sono i miei preferiti.
    Io non ho molti libri di cucina ma tutto inizio con il libro di Trish Deseine sul cioccolato. Bellissime foto (io ormai compro i libri di cucina in base alle foto) e per tutte le abilità.
    Ho scoperto invece di trovare banali i romanzi che parlano di cucina e cibo (tranne forse qualcuno).
    La mia wish-list su Amazon è lunga da fare paura!!! Bacioni

    RispondiElimina
  11. Mmmmhhh, che buono! Vorrei trovarlo domani mattina per colazione :)
    Ho diversi libri di cucina, piano piano sto realizzando una piccola libreria di cui vado molto orgogliosa!
    Vorrei consigliarti questi:
    - Ladurée Dolce (le ricette sono abbastanza complesse ma il libro è splendido)
    - Pies & tarts di martha stewart (in inglese, veramente utile e ricco di spunti. Si trovano tante ricette semplici e veloci)
    - Frolla & sfoglia di michel roux (tratta ricette dolci e salate, lo trovo molto utile, anche solo per la preparazione delle basi)

    RispondiElimina
  12. Ciao cara, di sicuro un commento su questa cake: deve essere buonissima, e a me ricorda tanto la mia nonna paterna, che mi fa sempre la torta con l'uvetta.
    E poi: vogliamo darti un consiglio per un libro di cucina? Bè, non può mancarti l'enciclopedia della cucina italiana, un libro enorme, privo di immagini (e per me che adoro fotografare è un colpo al cuore) ma un libro che ha fatto la storia della cucina italiana. "Il talismano della felicità" di Ada Boni. è IL libro per eccellenza, e se ti piace leggere, qui ti divertiarai parecchio. Un bacino e a presto! Sere PS tanto per capirci, la nostra Ada Boni è un pò la Julia Child d'America, no?

    RispondiElimina
  13. Grazie a tutte dei suggerimenti! Siete una fonte preziosa di consigli. Adesso la mia wish list è bella piena! Grazie ancora :)

    RispondiElimina
  14. "Splendidezza" si può dire???????????????????? Quanto ai libri, uno solo????????????????? oddio..io ne ho più di 300 e non so scegliere...Comuqnue vai con Donna Hay...a caso. sono belli tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì, ha ragionissima anche Ely....

      Elimina