22 febbraio 2012

Torta greca di semolino e arancia
Greek orange semolina cake



E come vuole il rituale, prima di una grande partenza scatta l'operazione "Svuota la dispensa". Rovistando nell'armadietto delle farine trovo un sacco di sacchetti e vasetti di rimasugli di farine varie. Farine di solito lasciate lì perché proprio non ho mai saputo cosa farci. L'altro giorno mi è capitato tra le mani una confezione aperta di semolino. Comprato tempo fa per farci non so più che cosa ma mai usata. Ecco appunto, ma cosa me ne faccio adesso?


Internet in casi come questi è utilissimo, basta digitare le paroline chiave ed ecco uscire tutta una serie di spunti che poi non resta altro che filtrare, confrontare e mettere in pratica. L'avevate mai fatta una torta col semolino? Io non ci sarei mai arrivata, tutt'al più ce l'avrei messo in un budino, una ricetta molto in voga in Germania, ma che a me non piace affatto. Ho trovato la ricetta di questa torta greca (su un sito australiano, tra l'altro) con semolino e arancia, mi attirava l'idea di fare una torta sbolognando una farina "scomoda" e usando anche frutta di stagione.

Il risultato mi è piaciuto, è una torta non bellissima ma di carattere, dalla grana rustica (il semolino crea una consistenza unica) che non cresce molto, ma ha un aroma buonissimo, probabilmente dato dalla scorza di arancia e dal brandy. Per le arance, ho usato la varietà di Ribera, località siciliana in provincia di Agrigento. Sono profumatissime e pure DOP. Visto che è una ricetta greca, la vedo bene servita con due belle cucchiaiate di yogurt greco bello cremoso.



PS= Il semolino non è finito. Ho già adocchiato una ricetta per dei panini veloci all'olio…






Torta greca di semolino e arancia


Ingredienti (per uno stampo di 20 cm):
125 g. di burro morbido
120 g. di zucchero semolato
la scorza grattugiata di 2 arance non trattate
2 uova
160 g. di semolino fino
100 g. di mandorle non pelate tritate
1 cucchiaino di lievito per dolci
2 cucchiai di brandy

mandorle pelate per decorare


Accendere il forno a 200 gradi. Imburrare e infarinare lo stampo. In una ciotola montare a crema il burro con lo zucchero e la scorza delle arance. Aggiungere un uovo alla volta (a temperatura ambiente le uova, mi raccomando), quindi unire il semolino, il lievito, le mandorle e il brandy, mescolando con una spatola. Versare il composto nello stampo, cospargere con le mandorle e infornare, abbassando subito il calore a 180 gradi. Cuocere per 30 minuti, facendo la prova stecchino che deve uscire pulito dalla torta. Lasciar raffreddare prima di sformare.



25 commenti:

  1. Che bella questa torta, l'idea del semolino è geniale, neanche io ci sarei mai arrivata..
    bellissima anche la prima foto!!

    RispondiElimina
  2. Stesso tuo problema...domenica ho fatto pulizia in dispensa e ho scovato un sacco di cereali e farine in scadenza(alcuni già anche scaduti ahimè).... Cercavo proprio una cosuccia così anche se il mio problema imminente è far fuori il cous cous che,in effetti,essendo semolino potrei usare per la tua torta:-) grande come sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm couscous… io avevo visto la ricetta del pesto agli agrumi di F La Mantia, che lui propone col couscous, ora però non ricordo se è vegano o no… Vado a vedere e poi ti dico

      Elimina
  3. Ha un aspetto invitante, un colore fantastico e poi se c'è l'arancia è perfetta per me! Non mi abbandonare ora che parti :o(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma che scherzi? E chi ti abbandona, QCne rimane sempre aperto :-))))

      Elimina
  4. Mamma mia che bella! Pubblicala anche su recipesshow.com

    RispondiElimina
  5. Da un po' mi balena in testa una torta rustica e a grana grossa... mi spieghi perché mi sento un po' abbandonata? Sai quella nostalgia? sarà questa partenza, ma tanto continueremo a seguirti anche da là, vero?! (ho bisogno di conferme, non ho mai sopportato gli allontanamenti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO, non dire così!!! Non ci sarà nessun abbandono, io sarò sempre qui a scrivere qualcosa su questo sito, spero proprio che rimarremo in contatto :-))))))))

      Elimina
  6. Questa torta mi invoglia proprio... semplice e golosa :-)

    RispondiElimina
  7. torta di semolino? Che idea golosa! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. Non sai quanta roba devo buttare xchè non faccio l'operazione "svuota dispensa", devo imparare!
    Certo che sei riuscita ad utilizzare il semolino in un modo non tradizionale e veramente goloso! :)

    RispondiElimina
  9. Mi sa che questo semolino te lo porterai fino in Thailandia... In ogni caso io mi mangerei tutto quello che cucini e non vedo l'ora di leggere i tuoi racconti dall'altra parte del mondo (PS: la torta come al solito, è bellissima)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara. Spero proprio di riuscire a raccontare cose interessanti da laggiù :-) Buona giornata

      Elimina
  10. greca o no, sembra deliziosa! è proprio rustica come piace a me, buona!

    RispondiElimina
  11. Ma perché io non sapevo la destinazione del tuo viaggio?? mi sono persa qualcosa??
    Questa tua partenza mi entusiasma parecchio e non vedo l'ora dei tuoi racconti Thailandesi (se non ho capito male!) .... bello, bello!!

    Intanto questa torta è stupenda (anche se io il semolino lo adoro in formato minestra con un po' di formaggio! :))

    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne avevo parlato nel post sulle girelle… Sì andiamo in Thailandia a lavorare, inizialmente per 3 mesi, poi si vedrà, ma io continuerò a postare!!! baci

      Elimina
  12. Ho giustappunto del semolino da far fuori.... la tua ricetta fa al caso mio!!!! La tua torta e' anche carina ;-)

    RispondiElimina
  13. Questo svuotadispensa mi piace assai e doivrei farlo anch'io! Ho ancora un pacco di semolino e una vagonata di farina di mandorle. Prenderei due piccioni con una torta ^_^ Baci, buon we

    RispondiElimina